Durezza

Durezza rivestimenti polimerici: metodo Wolff Wilburn (cod. D.20)

La determinazione della durezza con metodo Wolff-Wilburn è definita dalla norma ISO 15184.

Questo metodo è utilizzato per determinare la durezza di vernici e inchiostri. Il dispositivo è costituito da un carrello tarato porta matite e da un set di 17 matite aventi durezza compresa tra 6B a 9H. E' necessario selezionare la matita di opportuna durezza che riesce a incidere il rivestimento polimerico.

Durezza rivestimenti polimerici: metodo Wolff Wilburn (cod. D.20)

La determinazione della durezza con metodo Wolff-Wilburn è definita dalla norma ISO 15184.

Questo metodo è utilizzato per determinare la durezza di vernici e inchiostri. Il dispositivo è costituito da un carrello tarato porta matite e da un set di 17 matite aventi durezza compresa tra 6B a 9H. E' necessario selezionare la matita di opportuna durezza che riesce a incidere il rivestimento polimerico.

Durezza per materiali compositi: metodo Barcol (cod D.21)

 

La durezza Barcol (ASTM D2583) si misura con un dispositivo manuale avente un tronco di cono con una punta piatta di 0,157 mm. Questa prova è di solito utilizzata per misurare la durezza di plastiche rigide (rinforzate e non rinforzate). Il valore di durezza è ottenuto misurando la resistenza alla penetrazione di una punta d'acciaio tagliente indotto da una molla. Il durometro Barcol consente una lettura diretta su una scala da 0 a 100. Il valore di durezza viene spesso utilizzato come misura del grado di polimerizzazione di plastiche o per il controllo del processo di reticolazione (per es. in resine di poliestere insature).

Durezza rivestimenti polimerici: metodo Wolff Wilburn (cod. D.20)

La determinazione della durezza con metodo Wolff-Wilburn è definita dalla norma ISO 15184.

Questo metodo è utilizzato per determinare la durezza di vernici e inchiostri. Il dispositivo è costituito da un carrello tarato porta matite e da un set di 17 matite aventi durezza compresa tra 6B a 9H. E' necessario selezionare la matita di opportuna durezza che riesce a incidere il rivestimento polimerico.

Durezza di rivestimenti polimerici: pendolo Konig/Persoz (cod. D.22)

 

 

Un pendolo Persoz è un dispositivo costituito da un pendolo che è libero di oscillare su due sfere di acciaio che poggiano su una lastra di vetro protetta con un rivestimento polimerico (per es. vernice, inchiostro, adesivo,…). La prova di durezza (ASTM D 4366) con il pendolo Persoz si basa sulla misura dell’ampiezza di oscillazione del pendolo che è direttamente proporzionale alla durezza della superficie su cui si appoggia. Pertanto il numero di oscillazioni effettuate dal pendolo, in un intervallo di ampiezza di oscillazione tra 12° e 4° gradi misurata da opportuni sensori, sarà proporzionale alla durezza del rivestimento.

Il pendolo Persoz è molto simile al pendolo Konig, poichè entrambi hanno lo stesso tipo di funzionamento.  I due pendoli differiscono nella forma, nella massa e quindi nell'ampiezza di oscillazione misurata tra 6° e 3°. Il Pendolo Persoz è preferibilmente usato con rivestimenti a minore durezza come per es. le vernici e gli inchiostri UV.

 

advanced polymer materials